Il sito è trasferito su

www.dimodo.net

Grafica rinnovata, nuovi contenuti e disponibilità di articoli in inglese!

sabato 21 settembre 2013

Ecco perchè sono, ahimè, passato da ToodleDo a Evernote...

In pochi mesi, questa è la seconda volta che mi trovo costretto ad abbandonare uno strumento cui ero affezionato (curiosi riguardo alla prima?). Normalmente sono fedele agli stessi strumenti per anni, tuttavia l'evoluzione degli strumenti di produttività è particolarmente rapida e non conviene essere troppo conservativi in questo ambito.

L'utilissimo servizio che abbandono è ToodleDo, un ottimo strumento di gestione dei promemoria in ottica GTD (Getting Things Done). Ho utilizzato ToodleDo per molto tempo, affiancato ad Evernote per le note. Tuttavia qualche mese fa ho cominciato da un lato a vedere i limiti di ToodleDo e dall'altro a veder crescere i vantaggi di Evernote.

Un mio problema pratico con ToodleDo, avendo deciso di passare a Windows Phone, era l'assenza di un'App ufficiale e specifica per Windows Phone. Questo limite era aggirabile con App di terze parti, ma queste non mi soddisfavano.
Ma i limiti più grandi erano il fatto di avere due strumenti diversi per la gestione dei promemoria e delle note e la relativamente scarsa flessibilità di ToodleDo, senza contare che lo sviluppo di ToodleDo nei confronti dei suoi limiti principali era evidentemente e dichiaratamente fermo.

D'altro canto Evernote brilla per la sua flessibilità (con i taccuini e i tag si fanno magie), il pieno supporto di tutte le piattaforme, una rapida evoluzione, un ecosistema di prodotti connessi e una comunità di utilizzatori e sviluppatori sempre più ampia. E' un prodotto certamente perfezionabile ma questo tipo di prodotti è relativamente giovane e le loro potenzialità sono rapidamente in via di scoperta.

Purtroppo Evernote non è specializzato nella gestione dei promemoria e questo può essere un ostacolo per chi è abituato ad un uso intensivo di sistemi più sofisticati in questo ambito. Tuttavia la grande flessibilità di Evernote consente non solo di adattarlo facilmente alla GTD ma anche di apportare ampie personalizzazioni.

Utilizzare esclusivamente Evernote sia per le note che per i promemoria mi avrebbe portato vari vantaggi; soprattutto, avrei accantonato la rigida separazione dei contenuti e avrei acquisito maggiore confidenza con un singolo strumento, a tutto vantaggio della rapidità e della semplicità d'uso.

Quindi, dopo aver dato un occhiata ad alcune implementazioni GTD su Evernote, ho visto che utilizzare Evernote per i promemoria era possibile e ho identificato un sistema che ritengo sufficientemente semplice ma completo. Certamente lo perfezionerò in futuro ma lo utilizzo già da mesi con successo. Purtroppo ho dovuto trasferire i promemoria manualmente, ma non è stato traumatico, dal momento che appena trasferiti i promemoria prioritari ho potuto essere subito operativo con Evernote.

Nel prossimo post descrivo come ho implementato la gestione dei promemoria in Evernote.

Nessun commento:

Posta un commento