Il sito è trasferito su

www.dimodo.net

Grafica rinnovata, nuovi contenuti e disponibilità di articoli in inglese!

martedì 2 luglio 2013

Ecco perché sono, ahimè, passato dall'iPhone a Windows Phone...

Chi mi conosce, a questo punto, si sarà già preso una pausa per cancellarmi dai contatti nonché per ripulire qualunque lista di amici dalla mia inopportuna presenza. Chi mi conosce bene bene bene, invece, si farà qualche scrupolo e aspetterà almeno di sentire cos'ho da dire in mia discolpa, anche sapendo che non sono uno che fa queste scelte alla leggera. Poi mi insulterà pubblicamente.

Ok, avevo un 3GS, non certo l'ultimo modello di iPhone. Questo mi toglie autorevolezza di giudizio, ma non mi toglie il diritto di scegliere se comprarlo o meno, l'ultimo iPhone. Dal mio punto di vista, l'iPhone rappresenta il top dell'ecosistema software. Lasciamo un po' in disparte il fattore qualità, visto che ormai esistono molti telefoni ben fatti per l'uso cui servono. L'iPhone ha forse una migliore qualità costruttiva, ma questo non significa necessariamente supremazia funzionale o eccellente robustezza (anzi!). La qualità dell'iPhone è essenzialmente un fatto di stile. L'ecosistema di applicazioni e contenuti, invece, è realmente il massimo che si possa trovare, perlopiù supportato da un colosso in grado di mantenerlo tale per molti anni a venire.
Ma due fattori importanti mi hanno fatto uscire dalla lista dei fan più accaniti.

Il prezzo, innanzitutto. Non è mai stato economico, l'iPhone, d'accordo, ma qualche anno fa si trattava di un gadget estremamente innovativo. Oggi non è più necessario spendere così tanti soldi per uno smartphone e, considerate la bolla dei prezzi e la rapida obsolescenza di questi oggetti, è lecito pensare che sia anche uno spreco.

Poi lo schermo (o, meglio, la prima di molte obsolescenze tecniche). Nulla per cui perdere il sonno, ma quando è uscito il Galaxy S3 mi è stato confermato che, per le mie esigenze, uno schermo più grande fosse utile, nonostante Apple cercasse di convincerci che non fosse utilizzabile. Inutile dire che l'iPhone 5 è stato solo un palliativo, con la sua riga aggiuntiva di icone, mentre la concorrenza sfornava telefoni di tutte le misure, per qualunque esigenza. Il problema è che questo rifiuto di estendere la gamma è andato avanti per molto tempo, facendo ricordare a me e a tanti fan che Apple segue la propria strada. Prendere o lasciare. Se non ti piace l'iPhone così com'è, non sei abbastanza cool. E il passato di Apple, la cui impareggiabile creatività rende quasi inevitabile l'alternanza periodica di genio, buio creativo e follia, non mi lascia pensare a un ricorso storico favorevole. Forse uscirà un favoloso iPhone 6, ma ormai la storia è "Fidati, un giorno faremo di nuovo qualcosa che ti stupirà. Per il momento, al prezzo di un Galaxy S4 terribilmente moderno, puoi comprarti un iPhone 4S veramente vintage."

A questo punto rimanevano due scelte: Microsoft (Windows Phone) o Google (Android). Perché non altri? BlackBerry, ad esempio, ha fatto ottime mosse per uscire dall'angolo, di recente. Però è un produttore di telefoni, tutto sommato. Dubito che abbia speranze, contro i tre colossi principali, che si occupano non solo di telefoni, ma di un universo di altre cose, potendo contare su una sinergia di risorse, competenze, esperienza e accordi impareggiabile.

Android è senz'altro una valida alternativa, e mi ha tentato molto, ma il relativo "disordine" dell'ecosistema e dell'interfaccia non incontra il mio gusto.

Microsoft è un po' la Cenerentola della compagnia, in questo momento, relativamente ai telefoni. Però lavoro con strumenti Microsoft da parecchi anni e so una cosa per certo: Microsoft può perdere un treno ma lo recupera sempre. E spesso lo supera. Windows Phone è un buon sistema operativo, moderno e dal design ben ponderato. C'è parecchio da migliorare e, soprattutto, App e contenuti devono crescere di numero e qualità. Ma sono già sufficienti e ho la garanzia che sono destinati a rivaleggiare con la concorrenza. E per parecchi anni a venire Microsoft (come certamente fa anche Google) mi consentirà di scegliere il dispositivo più indicato per le mie esigenze.

Il mio Samsung ATIV S, eccellente ma reo di essere un Windows Phone, ha uno stupendo schermo Amoled da 4,8 pollici e costa la metà dei fratelli blasonati. A malincuore, chiudo il capitolo dello stiloso, mitico e aristocratico iPhone.

Nessun commento:

Posta un commento